Featured

Ritaglio panoramica per brochureIl progetto nato dopo la giornata organizzata da Legambiente nel 2012 “Puliamo il mondo”, per volontà di un’Associazione Temporanea di Scopo (ATS) costituita dal Comune di Ravello, in partenariato con l’Università degli Studi di Salerno, il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali con capofila l’Associazione culturale Ravello Nostra, ha come obiettivo il recupero architettonico e la valorizzazione culturale del sito archeologico del Monastero della SS. Trinità come luogo identitario per la comunità cittadina e come evidenza monumentale del carattere culturale del territorio per i visitatori.

 

 

evento la notte di San Lorenzo al Monastero 10.08.16 3

L’area sita nel Comune di Ravello sulla Costiera Amalfitana, è caratterizzata dalla presenza di scavi di archeologia medievale sui resti dell’antico monastero benedettino della SS. Trinità,
risalenti al X secolo. L’antico monastero, a differenza di altri beni ecclesiastici che furono trasferiti agli inizi del 1800 al patrimonio dello stato, fu per buona parte distrutto su imposizione di un Regio Decreto, come ritorsione al sostegno dato dagli abitanti alle suore che si rifiutavano di abbandonarlo dopo la soppressione.

Attività di riqualificazione e valorizzazione dell'area archeologica del Monastero della SS. Trinità, Ravello (SA) a cura del DISAPC, Università di Salerno

 

Insegnare la storia attraverso la didattica dell’archeologia è lo scopo che anima i “Laboratori”, ideati soprattutto per diffondere la conoscenza del patrimonio culturale del territorio presso gli studenti delle Scuole primarie di secondo livello e secondarie. Quelle che seguono sono le tipologie di laboratori che si effettueranno durante il progetto didattico “La chiamavano Trinità”

cartolinaVollaro per sito

Luigi Vollaro. Comprendere la materia e i suoi segni*
intervista all'artista di Pasquale Ruocco, curatore della mostra